Oggi, 1° Maggio 2020, mi sembra doveroso e importante fare il punto della situazione sulla nostra attività e su come potrà andare avanti in questi tempi difficili.

La condizione pandemica ha creato scompiglio nella nostra piccola e difficile realtà che, poco alla volta, stava tentando di guadagnarsi il proprio spazio.

E’ iniziato tutto con un obiettivo, quello di dare, anche all’Italia, un punto di riferimento per il chitarrista Manouche. Un luogo dove trovare tutti gli strumenti per approfondire la propria passione ed avere la possibilità di provare ed apprezzare le chitarre dei liutai Italiani e internazionali, unendo anche le nostre competenze in merito e poter proseguire nel nostro cammino di costruzione e riparazione di strumenti dedicati al Gypsy Jazz. Abbiamo iniziato a farlo con le uniche cose che avevamo a disposizione, passione ed energia e abbiamo aperto il nostro punto vendita a Verbania. Un ottima scelta per quanto riguarda l’esposizione, apprezzata anche dal pubblico che è venuto a trovarci. Ci siamo però trovati nella condizione di non poter sfruttare pienamente lo spazio, perché ci mancava la possibilità di operare nell’attività di liuteria e così, nostro malgrado, ci siamo dovuti rimettere alla ricerca, forti del fatto che ci servisse un luogo da trasformare in un laboratorio con esposizione.

All’inizio di Marzo abbiamo finalmente trovato la giusta location, ma i tristi eventi che si sono affacciati nella nostra vita, ci hanno momentaneamente interrotto, senza però intaccare il nostro entusiasmo.

Ora, ci stiamo adoperando al massimo per sfruttare questo tempo, nei limiti che ci sono imposti, per arrivare al nostro obiettivo, ma non siamo in grado di stabilire quando sarà pronta la nostra nuova “bottega”, così ci piace definirla. Nel frattempo, anche grazie alla comprensione e disponibilità di diverse persone amiche, stiamo cercando di creare una forma di appoggio a spazi diversi. Per chi volesse quindi venire ugualmente a trovarci, appena le istituzioni ci daranno il via libera, cercheremo di trovare un modo per poterci incontrare in sicurezza, chiedendo a tutti, da subito, la cortesia di portare la dovuta pazienza per sopportare questo momento di precarietà, in cui bisognerà accontentarsi di soluzioni transitorie.

Resta invece attivo il nostro servizio di spedizioni, con le stesse modalità di sempre, magari anch’esse un po’ rallentate dagli eventi.

Speriamo di poter dare presto notizie incoraggianti. Nel frattempo vi ringraziamo per l’attenzione e l’affetto che ogni giorno ci regalate, permettendoci così di continuare ad alimentare la nostra volontà di creare davvero qualcosa di nuovo.

Grazie a tutti.

Michele.